- - -

Relazione del presidente 

Care Amiche e cari Amici rotariani, E’ con entusiasmo e condividendo lo spirito di servizio di noi tutti che mi accingo a presiedere il Rotary Club Muggia per l’anno rotariano 2013/2014. Non vi nego che, subito dopo aver metabolizzato e compreso l’impegnativa responsabilità che mi è stata assegnata, ho percepito maggiormente l’importanza di valorizzare le risorse culturali e umane così autorevoli e di così alto profilo che ci sono nel nostro Club.Prima di ringraziarvi per la stima e l’affetto che avete voluto dimostrare nell’affidarmi l’onore di dirigere il nostro Club, ritengo innanzitutto doveroso ringraziare i Presidenti e i loro rispettivi Direttivi che mi hanno preceduto e che hanno saputo far crescere in modo esponenziale il nostro Club. Un ringraziamento particolare al Past President Carlo Alberto Masoli per le affettuose parole che ha voluto rivolgermi alla cena del passaggio del martello e per l’impegno da tutti apprezzato nello scorso anno sociale. E’ stato fatto un’ottimo lavoro per curare i rapporti con gli altri Club della provincia e oggi possiamo essere fieri di affermare che ormai il “nostro” è un gioco di squadra. E’ questa , a mio parere , la direzione giusta per poter organizzare dei service sempre più importanti per il nostro territorio. Abbiamo ottimi rapporti con il Rotary di Gorizia, di Monfalcone/Grado, con i nostri gemellati Sloveni di Novo Mesto, e i nostri partner del Rotary Capodistria nel service di Ancarano.

Le puntuali e ottime relazioni curate con il Distretto ci hanno dato l'opportunità di far crescere questo nostro meraviglioso fiore all'occhiello, il service di Ancarano, dando al Rotary di Muggia una grossa visibilità nazionale, ampiamente meritata . A tale proposito un grazie particolare va al nostro instancabile responsabile Ferruccio Divo, che oggi presiede la commissione ormai diventata distrettuale. Mi accingo dunque ad esporvi la proposta di Programma sperando di poterlo condividere, auspicando l’aiuto e il sostegno di voi tutti. Nel mio anno di presidenza cercherò di mettere a disposizione , con totale spirito di servizio , tutta la mia passione e la mia professionalità maturata anche attraverso la competenza fatta alla Round Table 9 di Trieste (club service per giovani imprenditori di età inferiore ai 40 anni ) , esperienza da Presidente che mi ha dato molte soddisfazioni : tutto questo nella convinzione che ciascuno di noi, al momento opportuno, deve essere in grado di produrre il massimo per ontribuireall’assolvimento della missione storica del Rotary. Con l’obiettivo prioritario di perseguire al meglio gli obiettivi fondamentali del Rotary, compito principale del mio mandato sarà di continuare a gestire il ns Club già molto attivo, impegnandomi nel garantire la conservazione e lo sviluppo dell’effettivo, la partecipazione dei soci ai progetti di servizio a favore della comunità, la formazione di dirigenti, capaci di servire il Rotary oltre il livello del club, il sostegno alla Rotary Foundation con il Piano di Visione Futura che rappresenta il nuovo modello di “aiuti” della Fondazione Rotary mirante a finanziare i progetti umanitari ed educativi di club e distretti. Gli Amministratori della Fondazione hanno individuato un crescente bisogno di concentrazione degli sforzi per avere un maggiore impatto, un maggiore  riconoscimento pubblico, una maggiore efficienza con l’impostazione di operazioni mirate.

Il Programma intende quindi raggiungere i suoi obiettivi perseguendo lecinque vie d’azione rotariana:
1. la via di azione interna;
2. la via di azione professionale;
3. la via di azione di interesse pubblico;
4. la via di azione internazionale;
5. la via di azione verso le nuove generazioni;

1. Con riferimento alla via di azione interna;
e quindi nell’affiatamento tra i soci e nell’ adeguamento funzionale del Club, continuando nell’azione già intrapresa negli anni precedenti, intendo coinvolgere nell’ Amministrazione del Club oltre al - Consiglio Direttivo e Commissioni - il maggior numero possibile di soci, avvalendomi del principio dell’avvicendamento, favorendo e stimolando una loro partecipazione , la più ampia possibile alle diverse iniziative sia locali che distrettuali. In questo modo si riesce  contemporaneamente a recuperare alcuni degli aspetti più peculiari  della tradizione rotariana, come quello di un  rapporto ancora più stretto con il territorio di appartenenza , e con la famiglia rotariana in generale.

Considerando prioritario l’affiatamento tra i soci, cercherò di mettere  in campo diverse iniziative per diversificare le serate conviviali, privilegiandone i contenuti socio-culturali, scientifici, sportivi e d'impresa con riferimenti più pertinenti all’attualità ed alle dinamiche del nostro territorio, con la presenza di ospiti illustri, intensificando ove possibile anche le conviviali interclub in sede e fuori sede, nonché gli scambi di visite con i club rotariani del vicino distretto sloveno. A tale proposito il programma prevede incontri rotariani, rispettivamente con i club della vicina Slovenia, Capodistria, Portorose e Novo Mesto.
Ritornando all'affiatamento tra i soci, credo sia indispensabile riconoscersi in un Progetto Generale che auspico condiviso e che soltanto il senso di appartenenza al Rotary può dare.

2. Con riferimento alla via di azione professionale;
per incoraggiare i soci a porre la professionalità al servizio della comunità, ed alla via di azione di interesse pubblico, per migliorare la vita della stessa, è previsto un progetto di servizio, orientato con questo obiettivo:
si tratta del “ Progetto Studio Epidemiologico”, in collaborazione con  l’Associazione Donatori di Sangue che ci metterà a disposizione la loro sede di Muggia, da usare come ambulatorio medico, nel quale (il come è da definire meglio ) il nostro socio, il dott. Salvatore Siracusano si occuperà di prevenzione del tumore alla vescica, poi, altri soci rotariani medici potranno, se disponibili, garantire assistenza sanitaria su altre tematiche  in modo da fare prevenzione e rispondere ad eventuali situazioni di emergenza del territorio maggesano.

3. Con riferimento alla via di azione di interesse pubblico;
è mia intenzione in accordo con il Rotary Trieste e il Rotary Trieste Nord, istituire una commissione unica per i tre clubs che si occupi di trovare in collaborazione con l'Università di Trieste, un gruppo di laureandi o neo laureati che abbiano interesse preparare un progetto atto ad analizzare le vere esigenze di service da fare nel territorio della nostra provincia dandoci cosi una sorta di scala di priorità nell'agire al servizio della collettività. Una borsa di studio potrebbe essere la ricompensa per il lavoro svolto. Un progetto ambizioso e innovativo che andrebbe poi aggiornato di anno in anno al fine di darci sempre la possibilità di aiutare veramente chi ha piu' bisogno.

Un altro service interessante che attiveremo dopo attenta analisi di chi ne ha effettivamente  bisogno, sarà mettere disposizione circa 600 sedie che potranno venir destinate a scuole, asili, o comunità in genere, grazie all'interessamento della nostra socia Maura Busico che le ha messe a disposizione per il Rotary Muggia;

Contribuiremo poi con una donazione partecipando anche quest'anno al progetto del banco alimentare in collaborazione con la Croce Rossa Italiana;

Riproporremo la donazione alla Parrocchia di Muggia per sostenere e ridurre la povertà sociale.

4. Con riferimento alla via di azione Internazionale;
Intendiamo partecipare assieme al Rotary di Gorizia, al Rotary di Fiume in Croazia ed altri 12 clubs del nostro distretto ad un service per un centro di accoglienza handicappati non autosufficienti sito a KRALJEVICA / RIJEKA  , subito a sud di Fiume , all' imboccatura della famosa Baia di Buccari .
Il centro ospita circa 50 persone e 50 sono i volontari che lo gestiscono.
Il nome di questo Centro é  CENTAR  ZA  REHABILITACIJU  " FORTICA ".

Il service del valore di 40.000 dollari, da spendere in macchinari e manutenzione degli stessi, sarà a carico del nostro Distretto per una somma di 10.000 euro, 13.000 euro saranno a carico della Fondazione Rotary e 7.000 euro a carico dei 12 clubs partecipanti all’iniziativa, un service dal grande valore sociale e internazionale  con una spesa per club di solo 600,00 euro;

Contribuiremo poi al progetto di service in Africa e precisamente nel villaggio Swie in Camerun denominato “Swie’s future”, propostoci dal Rotary Trieste Nord  e l’Associazione ONLUS Donne Africa, con una quota parte pari a 1.000,00 euro utilizzando ancora una volta il Global Grant della Rotary Foundation, in pratica forniremo 30.000 piantine di manioca alle coltivatrici formando la popolazione sulle nuove tecniche di coltivazione, processione e conservazione della stessa.

Proseguiremo poi con il nostro “Fiore all'occhiello” il service del Camp di Ancarano al suo 5° anno e che non ha bisogno di presentazioni, contribuendo economicamente in collaborazione con il Rotary Onlus e la Rotary Foundation ma soprattutto mettendoci a disposizione per una settimana dal 31 agosto al 7 settembre 2013 assieme al Rotary Club di Capodistria.

5. Con riferimento alla via di azione verso le nuove generazioni;
Il nostro Club intende aderire come consuetudine all’iniziativa del Ryla distrettuale, segnalando un/una giovane candidato per la selezione in vista della partecipazione al Seminario sulla leadership investendo la modesta cifra di 500,00 euro già prevista nel bilancio preventivo;
Un particolare riferimento va fatto nei confronti del Rotaract e dell'Interact  da parte del Consiglio direttivo e della commissione a loro dedicata per l’importanza che assumono per noi e per il Rotary International, i giovani, le Nuove Generazioni - diventate recentemente la quinta via d’azione rotariana - che devono continuare ad essere i nostri primi partner nel servire a favore della comunità, e che noi dobbiamo orientare ed accompagnare nel loro agire rotariano, nella necessaria dialettica che deve intercorrere tra il mondo giovanile ed il mondo adulto del Rotary. Una specifica voce del bilancio prevede un contributo, seppure minimo, per le loro attività, mentre ogni sforzo sarà fatto per accompagnarli nella realizzazione dei progetti di servizio programmati dal presidente del Rotaract 2013/14 , Riccardo Berto.

L’obiettivo del Distretto, per quanto riguarda l'effettivo che facciamo nostro, in linea con le direttive del Rotary International, prevede per l’anno 2013-2014 l’incremento dei  soci del  3% a club, privilegiando, se possibile, nuovi soci giovani nella fascia di età compresa tra i 35 e 45 anni, distintisi in una delle professioni emergenti, e donne, impegnate nella società come imprenditrici, dirigenti, professioniste e/o docenti. Il nostro obiettivo è di riuscire aumentare di almeno tre unità l'effettivo.

Un’importanza particolare verrà assegnata alla riunione del 11 dicembre 2013, la tradizionale conviviale familiare per lo scambio degli auguri di Natale, prevedendo l’organizzazione della classica tombola, in grado di contribuire alla raccolta di fondi da destinare ai piu' bisognosi. Ovviamente avremo bisogno dell’esperienza di Libero Coslovich.

 Ambizioso progetto su cui stiamo lavorando è avere quale ospite in visita ufficiale a Trieste per un convegno il Presidente di Confindustria, il dott. Giorgio Squinzi. L’ invito ufficiale è  già partito in collaborazione con la Confindustria locale a firma del Presidente dott. Sergio Razeto , già ns. ospite relatore. Peraltro , la disponibilità del Presidente Squinzi ci è già stata comunicata informalmente , grazie all’intervento del nostro caro amico rotariano Robert Pozar di Novo Mesto , Direttore della Mapei Slovena , e quindi interlocutore privilegiato del dott. Giorgio Squinzi. Un convegno dunque dedicato all'imprenditoria del nord est e della vicina Slovenia coinvolgendo tutti e due distretti.

Altro particolare evento a cui stiamo lavorando è il “Concerto di Natale” organizzato in collaborazione con il Rotary Trieste , il Trieste Nord e il Teatro Verdi di Trieste , che si dovrebbe svolgere il 6 dicembre 2013 giorno di San Nicolo' nella Chiesa di San Antonio Nuovo. A tutt’oggi siamo ancora in attesa del progetto definitivo e dei relativi costi che il Sovrintendente del Teatro Verdi sta valutando , offrendoci anche  l'opportunità di avere a nostra disposizione coro e orchestra dello stesso. Si tratta di un evento straordinario di altissimo spessore culturale e sociale dedicato a tutta la nostra provincia,  assolutamente gratuito, che darebbe la giusta visibilità mediatica che il Rotary si merita.

Sono già state anche programmate le Assemblee dei soci previste dal Regolamento e precisamente il 3 ottobre 2013 faremo proprio qui da noi un interclub con gli altri due Rotary locali al fine di ridurre i costi per la visita del Governatore Roberto Xausa e il 27 novembre per l'approvazione del bilancio consuntivo 2012/13 e bilancio preventivo 2013/14, elezione nuovo Presidente 2015/16 e del nuovo consiglio direttivo 2014/15.

Programmati anche i Consigli direttivi, con cadenza mensile, le cui date di svolgimento saranno indicate nel Calendario, (così come tutte le altre riunioni conviviali e gli appuntamenti di cui si è detto).

Per quanto riguarda il fondamentale problema dell’informazione, e quindi della comunicazione, sia interna al Club che esterna verso la comunità rotariana e non, per la sua importanza si è costituita, così come richiesto dal Distretto, una specifica Commissione di Club, presieduta dal nostro socio Gabriele Gatti, che si occuperà dell’innovazione e dovrà anche curare i rapporti con la stampa cercando di attivare una comunicazione coordinata coinvolgendo il nostro responsabile web Paolo Crociato e la ns. socia Serena Tonel che si occuperà dello sviluppo dei nuovi sistemi di comunicazione denominati Social Network. Continueremo anche la pubblicazione del Bollettino di informazione del Club con un numero cartaceo limitato dando un incremento alla spedizione via mail a tutti gli altri clubs service e autorità.

In aggiunta i componenti il Consiglio direttivo 2013/14 già eletti nel novembre 2012, di cui mi pregio ricordare i nomi:

Carlo Albero Masoli Past President
Massimo Pasino  Incoming President
Sergio Ashiku  Vice Presidente
Segretario   Roberto Crucil
Tesoriere   Maura Busico
Prefetto   Ferdinando Parlato
Consiglieri   Lorenzo Capaldo, Giancarlo Cortellino, Gabriele Gatti,
    Nunzio Minniti, Paolo Puppi e Federico Stricca

ho provveduto nominare la “squadra” che lo affiancherà nella conduzione del Club, vale a dire i Presidenti delle sette Commissioni in cui si articola l’organizzazione interna. La lista che segue indica i Presidenti di commissione ma resta ancora aperta per  l’inserimento dei soci che volessero farne parte per contribuire alle attività del Club.

Commissioni:

1) Amministrazione del Club: Roberto Borghesi
2) Relazioni Pubbliche, Comunicazione e Innovazione: Gabriele Gatti
3) Service e Progetti di Servizio: Mauro Graziani
4) Effettivo: Marco Marinaz
5) Fondazione Rotary e Progetti Permanenti: Ferruccio Divo
6) Giovani (Interact e Rotaract): Ferdinando Parlato
7) Informatica e Web: Paolo Crociato

Il Programma, che in questa sede presento, necessita, per la sua realizzazione, non solo del mio impegno ma anche e soprattutto della collaborazione di tutti i soci del  nostro club. Un ringraziamento quindi va sin da ora a voi tutti . Sono sicuro  che non farete mancare mai il vostro sostegno e la vostra fattiva collaborazione. Da parte mia posso solo dirvi, e quindi concludere , che farò di tutto per corrispondere alla fiducia e all’ amicizia che avete già dimostrato affidandomi  la presidenza del club per l’anno rotariano 2013/14. Chiudo la mia relazione con una frase molto significativa di Marcel Proust che si sposa perfettamente con la mia visione

“L’unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi , ma nell’avere nuovi occhi” - Marcel Proust -

Ancora grazie per la fiducia accordatami.        

Riccardo Novacco

Muggia, 3 luglio 2013

Le nostre foto



Un voluminoso album multimediale per seguire da casa tutti i nostri eventi !!

Twitter news

Ultime news